Al momento stai visualizzando Verso la Rinascita della pasqua…

Verso la Rinascita della pasqua…

Oggi ti voglio parlare del ricominciare e del rinascere.
Siamo ormai in Primavera e si avvicina la Pasqua, la festa simbolica della Rinascita per eccellenza.

Ho cambiato più volte idee su cosa scriverti per queste giornate. Rinascere, ricominciare, sono temi talmente complessi e affascinanti che si possono vedere da moltissimi punti di vista e se ne potrebbe scrivere più di un libro.

Non è un periodo facile per me, spesso ti ho parlato di tempesta.
Una situazione personale molto difficile mi sta mettendo alla prova, e mi ritrovo spesso shakerata e stanca.

Io che aiuto le donne a ricominciare e a lavorare sul loro potere personale, mi sto trovando nella stessa situazione. Beh in fondo non c’è da stupirsi: non si finisce mai, anche se certi passi sono ormai consolidati.
Che grande sfida!

Dopo la separazione, la mia vita è di nuovo cambiata.

Ecco perchè oggi ti voglio parlare del ricominciare e del rinascere.
Hanno tratti in comune.

👉 C’è un evento, un’esperienza che segna; oppure un’esigenza forte e potente che chiama ad un cambiamento; una necessità interiore che ti dice che qualcosa va cambiato, messo a posto, (come una chiamata dell’anima), o ancora momenti di crisi che ci chiedono una sosta e un vedere differente, per ripartire.

Del resto viviamo nella ciclicità e nella complessità e le esperienze sono tante. Come spesso scrivo, ricominciamo ogni giorno.

👉 Ci sono tuttavia momenti in cui ricominciare diventa più importante e forte, richiede maggiore energia e un aggiustamento, una messa in ordine. Momenti in cui sentiamo profondamente di voler o dover rinascere.

In quei momenti dobbiamo innanzi tutto avere tanta pazienza con noi stesse.
Quando sentiamo infatti tale spinta, c’è anche un’urgenza interiore che vorrebbe che il cambiamento giungesse in fretta.
Tuttavia quello autentico ha il passo lento e chiede un’integrazione di ogni parte di noi stesse.

👉Nel ricominciare e nel rinascere, infatti, abbiamo da chiudere bene con la donna che siamo state e condurla a scoprire quella nuova che siamo o che vorremmo essere. C’è sempre un tempo di latenza in questo passaggio, una terra di mezzo, come la chiamo io.

👉 Potere e ricominciare poi, si aiutano a vicenda, dialetticamente. Si può ricominciare, cioè, ad un livello superiore rispetto a prima. Chiudiamo, comprendiamo e compiamo un salto in avanti, spesso anche generazionale.
Nella nostra rinascita, anche se non ci sembra, abbiamo il potere e la potenzialità di guarire il nostro albero genealogico. Una donna che rinasce, rinasce per tutto il femminile.

Io, ad esempio, mi sto dando il tempo necessario per accogliere e stare in quello che c’è. Scoprire piano piano la nuova me che inizia a darsi il permesso di ricominciare e rinascere timidamente, dopo una battuta di arresto in un certo senso, che sta durando da mesi. E dentro, profondamene dentro alle scelte continue che ho da prendere.

Ancora non so chi sono diventata nel vivere questa nuova esperienza, so che ho da integrare una nuova realtà in chi sono oggi. Mi do tempo e spazio. Adesso, senza aspettative.
Come ho fatto dopo la separazione, che ha fruttato il mio secondo libro.
(In questo senso sto già iniziando il terzo libro: per me scrivere è vitale)…

La primavera mi aiuta, nel momento in cui mi lascio semplicemente guardare da essa e nutrire, senza nulla dire…

Così✨  il nuovo percorso che a breve ti proporrò, sta prendendo forma e contorni differenti rispetto a quello che avevo pensato mesi fa. Ha ancora bisogno di tempo.

Tuttavia il ✨mio secondo nuovo libro in uscita ha proprio questo sapore, della rinascita e del ricominciare… verso la Libertà.
(Spero proprio che i tempi editoriali si accorcino in fretta,non vedo l’ora di presentartelo!).

In vista, quindi, della simbolica rinascita di questi giorni, accompagnate dalla Primavera, non posso che ✨augurarti di farti trovare piena di e stessa, che tu possa essere pronta, ad accogliere te stessa in tutta la luce che sei, nel potere che chiede solo di manifestarsi grazie a te.

E se non accadesse, non importa, sarai come potrai e come hai da essere oggi. So che troverai la tua strada, magari tra un po’ di tempo con un mio nuovo percorso. (Oppure con uno vecchio: hai dato un’occhiata al mio sito?).

Un grande abbraccio

Roberta

Lascia un commento